Corsi on-line

Il progetto cloud

  • CommentiScrivi un commento
  • ForumDiscuti sul forum
  • PrevCreare una soluzione Windows Azure
  • NextDistribuire una soluzione sulla piattaforma

Fino a questo momento abbiamo creato un progetto di tipo cloud relativo ad una generica applicazione web ASP.NET (TestWebRole) ma non abbiamo utilizzato alcun componente o interfaccia di tipo cloud. Andremo adesso ad analizzare il progetto cloud TestWindowsAzureProject presente all’interno della nostra soluzione

Selezionando il progetto e osservando la finestra Proprietà possiamo vedere che esso ha un’estensione .ccproj e che è posizionato in una cartella separata all’interno della directory della soluzione

Visual Studio gestisce le cartelle della nostra soluzione nel modo seguente

Come si vede viene creata una cartella per il web role, una cartella per il progetto cloud e una cartella denominata packages, oltre al file relativo alla soluzione TestWindowsAzureProject.sln. Guardando ancora la finestra Esplora soluzioni possiamo notare che il progetto cloud è in grassetto, ciò significa che è impostato come progetto di avvio.

Se proviamo ad avviare il progetto (e non stiamo utilizzando Visual Studio in modalità amministratore) visualizzeremo la seguente finestra di dialogo

Questo messaggio contiene un messaggio importante e cioè che Visual Studio sta cercando di comunicare con il simulatore di calcolo per avviare il progetto. Se infatti vogliamo testare il comportamento reale del nostro progetto sul cloud è necessario utilizzare il relativo simulatore e per fare questo sono necessari i privilegi amministrativi.

Se avviamo Visual Studio con privilegi amministrativi non visualizzeremo più la finestra di dialogo ma una finestra che ci informerà che sta per essere l’ambiente di debugging di Windows Azure

Successivamente il risultato sarà uguale a quanto visto nella lezione precedente, quando abbiamo visualizzato il nostro web form con la data

Tuttavia a differenza della lezione precedente l’applicazione viene eseguita in un’infrastruttura cloud simulata. Se infatti guardiamo la barra degli indirizzi vediamo che in questo secondo caso non viene utilizzata la porta dell’esempio precedente (50738 nel mio caso, nel vostro potrebbe essere un’altra) ma la porta 81. La differenza non è il numero di porta utilizzato ma l’intero ambiente di sviluppo in cui l’applicazione viene eseguita. Se durante l’esecuzione dell’applicazione clicchiamo sulla taskbar di Windows sull’icona Windows Azure visualizziamo lo stato del simulatore (sia di calcolo che di archiviazione)

Se clicchiamo con il tasto destro del mouse sulla stessa icona e selezioniamo la voce Show Compute Emulatoe UI comparirà la seguente finestra

L’albero nel pannello di sinistra fornisce informazioni sull’ambiente di sviluppo locale, con i riferimenti al nostro progetto. Se selezioniamo il nostro TestWebRole nella finestra centrale visualizziamo diversi messaggi relativi a tutti gli eventi correlati. Se selezioniamo invece il nodo Service Details visualizziamo la configurazione del servizio a runtime (porta, interfaccia, indirizzo IP).

Adesso dovrebbe essere più chiara la differenza tra l’utilizzo dell’ASP.NET Development Server ed il simulatore Windows Azure. Chiudiamo quindi la finestra del browser e torniamo al nostro progetto, facendo doppio click su TestWebRole presente nella cartella Roles del progetto cloud

Viene mostrata la seguente schermata

Nella tab Configuration inseriamo il valore 4 nel campo Instance count e avviamo nuovamente l’applicazione. Il risultato sul browser sarà uguale a prima ma se apriamo nuovamente il Compute Emulator vedremo qualcosa del genere

Praticamente stiamo eseguendo quattro istanze dell’applicazione ed è Windows Azure che gestisce tutti gli aspetti relativi, per noi non è cambiato niente. Se apriamo in questo momento il Task Manager vedremo tutti questi processi il cui prefisso è Wa che sta per Windows Azure

Se proviamo a terminare qualcuno di questi processi vedremo che il simulatore lo riavvierà.

Corsi
  • Corso Flash e Actionscript
    Corso Flash e Actionscript
    Creare applicazioni dinamiche utilizzando Flash e Actionscript. A partire da 39 €
  • Corso Javascript
    Corso Javascript
    Guida completa allo scripting lato client. A partire da 39 €
  • Corso XML
    Corso XML
    Creazione di strutture XML, XSL ed altri linguaggi eXtensible. A partire da 39 €
Vedi anche...
Altre Guide